Ieri sera, alla presenza di un numeroso pubblico, nel bellissimo parco dell'istituto Agrario, si è concluso il progetto teatro della legalità “Per fare un fiore”

Ieri sera, alla presenza di un numeroso pubblico, nel bellissimo parco dell'istituto Agrario, si è concluso il progetto teatro della legalità “Per fare un fiore”, un lavoro importante che ha visto una grande sinergia tra l’associazione Libera presidio Aniello Giordano, l’Istituto Mattei Fortunato e il Teatro del Grimaldello e il supporto dell'Amministrazione comunale Assessorato alla Legalità. 
 
Gli alunni che hanno preso parte alla rappresentazione interpretando "Il campo degli angeli" hanno commosso tutti i presenti per il ricordo delle vittime innocenti di mafia, per aver toccato temi importanti di legalità, di giustizia, amore, rispetto.
 
 "Questa è stata la dimostrazione di come il teatro può davvero essere elemento formativo imprescindibile per educare i giovani alla legalità e far sì che attraverso la rappresentazione si faccia proprio un principio così importante - ha detto l'assessore alla Legalità Anna Senatore -. Per fare un fiore ci vogliono tanti giovani disposti a seminare e noi ieri sera lo abbiamo fatto e con pazienza e amore aspettiamo che questo fiore diventi un meraviglioso giardino. Il giardino della legalità".
 
Eboli città di Pace da qualche anno continua in maniera instancabile a promuovere iniziative legate alla legalità e all'integrazione. 
 
"I giovani e il teatro sociale hanno sempre da insegnare grandi cose a noi adulti - ha detto il sindaco di Eboli Massimo Cariello -. Quella di ieri è stata una rappresentazione a tratti emozionante. Quando con la delicatezza del teatro si toccano tematiche a volte crude, dure, difficili, si riesce sempre a trasmettere grandi messaggi di speranza. Voglio congratularmi con tutti i giovani attori, con i docenti referenti, con la dirigente Maria Laura Cestaro che ha saputo cogliere l'importanza di un progetto così articolato. Ma un ringraziamento particolare devo però  rivolgerò alla giornalista Lucia Gallotta referente del presidio di Libera e all'assessore alla legalità Anna Senatore che hanno saputo creare una grande sinergia tra associazione Libera, il Comune e la scuola affinché si riuscisse a portare a compimento uno spettacolo bellissimo".