Approvato il nuovo regolamento della Protezione Civile: maggiori risorse, più impegno dei volontari e coinvolgimento della Croce Rossa Italiana

Approvato il nuovo regolamento della Protezione Civile: maggiori risorse, più impegno dei volontari e coinvolgimento della Croce Rossa Italiana.
 
Maggiori risorse a disposizione, aumento dei periodi di attivazione dei singoli, ulteriore impegno del Comune a sostegno delle attività, coinvolgimento della Croce Rossa per il necessario supporto sanitario. 
 
Sono i punti chiave del nuovo regolamento comunale del nucleo di Protezione Civile, deliberato dal Consiglio comunale nella seduta di martedì 30 luglio.
 
 Un voto giunto all’unanimità, a testimonianza della validità della proposta di modifica e, come emerso dagli interventi in aula, frutto dei lavori preparatori condotti con equilibrio istituzionale dal consigliere Pierluigi Merola quale Presidente della preposta commissione consiliare . 
 
«La nostra proposta di modifica guardava al miglioramento delle condizioni in cui operano i volontari 
del nucleo comunale di Protezione Civile - spiega il sindaco, Massimo Cariello. In questa ottica, aumentano presenza ed impegno da parte degli operatori. Il nuovo regolamento per il nucleo di Protezione Civile è un 
traguardo importante. Ringrazio per l’impegno il caponucleo, Raffaella Ruggiada, ed il dirigente comunale, ingegnere Giuseppe Barrella, per il contributo decisivo che ha dato per il nuovo regolamento». 
 
Sono soprattutto tre le modifiche introdotte nel regolamento comunale che hanno impegnato il consiglio comunale. «Al capo nucleo comunale - entra nel dettaglio l’assessore Anna Senatore - riconosciamo maggiore responsabilità e la possibilità di comminare sanzioni disciplinari, regolamentando in questo modo le attività di un organismo che è garanzia assoluta per tutti. In secondo luogo, abbiamo previsto che la 
Croce Rossa Italiana affianchi il nucleo comunale di Protezione Civile, per la funzione sanitaria, così come già avviene in campo nazionale. Il terzo punto modificato riguarda la possibilità che i volontari possano 
accedere a rimborsi spesa per lo svolgimento delle attività di emergenza o di monitoraggio, con due limiti: non più di 10 euro per giorno e non più di 150 euro per un mese». 
 
Il regolamento, approvato all’unanimità, è il frutto anche di un paziente lavoro in commissione. 
 
«L’attenzione di questo questo atto è concentrata soprattutto su due aspetti - commenta il presidente Pierluigi Merola -. Da un lato si predispongono le condizioni affinché si registri un aumento dell’impegno dei volontari in termini di ore di presidio; dall’altro, tutti insieme, abbiamo valutato come necessario un incremento delle risorse comunali, un obiettivo che l’intera Amministrazione Comunale ha fortemente voluto».