Nella giornata di ieri, si è svolta la prima visita guidata del Touring Club Italiano a #Eboli frutto di un importante rapporto di collaborazione, nato durante la scorsa Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, tra l'Ente e la storica organizzazi

Il tour è iniziato di primo mattino lungo il "Percorso dei Mulini", nell'area naturale dell'Ermice interna al Parco Regionale dei Monti Picentini, con il dottore forestale Michele Biondi. A seguire la visita al Convento di San Pietro alli Marmi dove è intervenuto anche il prof. Alessandro Di Muro, tra i maggiori medievisti italiani. Accedendo dal chiostro, oltre la chiesa del XII secolo e la cripta di San Berniero, i visitatori hanno potuto ammirare l'antica biblioteca francescana, guidati dal Cav. Franco Manzione, autore dei lavori di restauro e sua memoria storica. La visita è poi proseguita nel complesso archeologico de "Le Fornaci Romani", a cura dell'archeologa Maria D'Andrea: un quartiere artigianale composto da tre fornaci il cui impianto iniziale risale alla fine del IV secolo a.C.

Dopo il pranzo, con prodotti tipici e le eccellenze gastronomiche del territorio, è ripartita la passeggiata lungo la cinta muraria esterna del Castello fino al convento di Sant'Antonio Abate, sede delle monache benedettine. Proseguendo attraverso l'antico quartiere medievale, i visitatori sono giunti nella chiesa di San Francesco d'Assisi, risalente al 1286 e tra i primi insediamenti francescani storicamente documentati, guidati dal dott. Alesssio Scarpa, borsista comunale del settore Cultura. Ultima tappa della giornata, la visita al MOA - Museum of Operation Avalanche a cura del prof. Giuseppe Fresolone, direttore del Museo che stasera e domani presenta due eventi in occasione del 76° Anniversario dello Sbarco di Salerno, con ingresso gratuito.

La giornata ha registrato la partecipazione entusiasta di oltre trenta visitatori TCI, tra cui il delegato provinciale Enrico Andria e l'ing. Pietro Pandolfo, console regionale e consigliere nazionale del Touring Club Italia.

<<Prosegue l'impegno dell'amministrazione comunale per lo sviluppo turistico della città - ha detto il Sindaco Massimo Cariello, durante lo scambio dei doni istituzionali - inteso, in linea con la filosofia del Touring Club, anche quale mezzo di tutela ed educazione di un corretto godimento del patrimonio storico, artistico e naturalistico, considerato nel suo complesso bene insostituibile da trasmettere alle generazioni future. Grazie a tutte le professionalità, Associazioni ed imprese ebolitane che supportano l'Ente in questo modello strategico di sviluppo del nostro territorio, con la pianificazione ed il coordinamento operativo dell'Assessore al Turismo Anna Senatore e del dott. Vito Leso, del mio ufficio Staff.>>