Il Consiglio attesta l'interesse pubblico e sostiene l'azienda Improsta per un corso internazionale universitario. Mentre Forza Italia e LeU dicono no, l’Amministrazione Cariello prosegue sulla strada dello sviluppo e della crescita del nostro territ

Un corso di specializzazione universitaria, collegato al dipartimento di medicina veterinaria dell’Università Federico II di Napoli, che formerà professionisti nel campo della gestione zootecnica, con attenzione all’ambiente, alla preservazione del territorio, all’utilizzazione virtuosa delle acque, garantendo uno sviluppo moderno della zootecnia, che è tra gli assett principali della Piana del Sele.

L’iniziativa proposta dall’Azienda Improsta e sostenuta dall’Università federiciana ottiene il via libera dal Consiglio comunale di Eboli, che ha deliberato il permesso all’adeguamento di alcune strutture dell’azienda agricola regionale, nonostante i tentativi di una parte dell’opposizione di frenare la crescita della città e del territorio, attraverso un atteggiamento di contrasto in Consiglio comunale.

«Un’occasione storica per la nostra città - sottolinea il sindaco, Massimo Cariello - che ancora una volta registra il tentativo di una parte dell’opposizione di frenare la crescita di Eboli. Come spesso accaduto anche in passato, le opposizioni di LeU e di Forza Italia tentano di impedire che la città cresca e si sviluppi, per proprio tornaconto di bassa lega. Invece il Consiglio si è schierato per lo sviluppo di Eboli, con il voto della maggioranza e dei consiglieri di opposizione Rizzo ed Infante, portando la città ad un livello di specializzazione universitaria in un settore come la zootecnia, al centro della nostra azione con diverse iniziative anche in passato, perché si tratta di un settore trainante dell’economia della Piana. Ringrazio la maggioranza e la parte dell’opposizione che hanno garantito futuro e sviluppo al nostro territorio, lasciando i consiglieri Conte, Petrone e Cardiello nella loro solitudine politica. Ringrazio anche il presidente De Luca, per il finanziamento regionale di 1,5 milioni, ed il presidente dell’azienda Improsta, Luca Sgroia, che ci ha proposto questa iniziativa di enorme spessore».

La scelta di opporsi a questa iniziativa destinata a rilanciare Eboli ed il suo territorio in una dimensione internazionale nel settore della gestione zootecnica, coglie di sorpresa anche il presidente della commissione urbanistica, Pierluigi Merola. «Pensavamo che dopo ben tre sedute della commissione - ricorda Merola - nessuno avesse in animo di tentare di opporsi ad un’occasione storica per la nostra città. Invece ancora una volta c’è una parte dell’opposizione che rema contro Eboli, tentando di frenare la sua crescita. Mettersi contro un atto che apre le porte della città ad un corso universitario di valore internazionale, già presente sul sito dell’Università Federico II, è il chiaro segnale di un’opposizione che tenta di impedire la crescita di Eboli e disegnare un futuro per i giovani del territorio e per l’economia della Piana».