Avviati i cantieri per la realizzazione delle rotatorie in via Statale 19 e via Foscolo: maggiore sicurezza, traffico snellito e nuove aree verdi

 
 
Avviati i cantieri per la realizzazione di due nuove rotatorie in via Statale 19 e lungo l’asse viario. Le due opere sono previste una all’altezza dell’incrocio che collega l’asse viario con la Strada Statale 19, nell’area tra le zone Ceffato ed Epitaffio, l’altra in corrispondenza con via Ugo Foscolo, l’arteria che conduce verso il cimitero comunale, lungo l’asse viario. L’intervento, dopo l’approvazione del progetto in Giunta comunale, è stato reso possibile sia per l’attento impegno tecnico comunale, sia per la paziente opera di recupero di fondi giacenti da tempo.
 
«In queste ore si sta allestendo il cantiere - anticipa il sindaco, Massimo Cariello -, a breve saranno avviati i lavori veri e propri, dopo avere messo in sicurezza l’intera zona e disegnato i percorsi alternativi, per consentire la realizzazione dell’opera senza arrecare disagio ai cittadini ed alla circolazione».
 
Le due opere garantiranno sicurezza, circolazione più snella ed interventi di riqualificazione nelle due aree interessate. La rotatoria lungo la Strada Statale, inoltre, costituirà anche un ulteriore miglioramento dell’ingresso alla città provenendo da sud e dalle zone interne.
 
«Abbiamo lavorato con il massimo impegno per il recupero dei fondi, in modo da completare gli interventi di riqualificazione del Piano Città - spiega il vicesindaco con delega ai lavori pubblici, Cosimo Pio Di Benedetto -. Tenevamo molto a realizzare questo intervento, perché si tratta di un’opera pubblica che coniuga sicurezza, decoro e riqualificazione in un’area che è un biglietto da visita per la città. Inoltre, avremo nuove aree verdi per Eboli, in corrispondenza delle due rotatorie e gli interventi riguarderanno anche lo stesso manto stradale. Nello specifico dell’asse viario, invece, avendo previsto le somme necessarie nel piano triennale delle opere pubbliche, andremo alla rivisitazione dell’intera illuminazione, regalando un nuovo volto alla zona».