Completato l’organigramma, il nucleo comunale di Protezione Civile diventa pienamente operativo. Raffaelle Ruggiada è la responsabile

Completato l’organigramma, con la riunione organizzativa di martedì scorso è pienamente operativo il nuovo nucleo comunale di Protezione Civile “Città di Eboli”. E’ stato il sindaco di Eboli, Massimo Cariello, ad annunciare l’organigramma completo del nuovo organismo comunale. Responsabile del nucleo sarò Raffaella Ruggiada, suo vice Saverio De Caro. «Abbiamo voluto riorganizzare il settore e farlo in modo rapido, perché si tratta di un settore strategico nel quale abbiamo trovato assoluta carenza in termini di tutela e salvaguardia in favore dei cittadini, soprattutto per quelle fasce più deboli di popolazione che in caso di emergenza avrebbero maggiori difficoltà. Andremo adesso all’approvazione del nuovo piano di protezione civile di Eboli, dotando il nucleo di sede, mezzi ed attrezzature. La nomina del responsabile del nucleo, Raffaella Ruggiada, donna di esperienza e ferrea forza di volontà, va in questa direzione. A lei ed a tutti i volontari va il mio plauso e il mio ringraziamento per quanto stanno facendo per Eboli». Il prestigioso obiettivo di ricostituzione del nucleo comunale ha avuto un protagonista in Carmine Busillo, consigliere comunale delegato alla protezione civile. «Ringrazio il sindaco per la fiducia e il sostegno che quotidianamente mi garantisce quale suo delegato. Abbiamo lavorato con impegno per la piena operatività del ricostituito nucleo e con l’elaborazione dell’organigramma abbiamo effettuato un ulteriore, importante step, in quanto ogni settore nel quale abbiamo pensato di suddividere le funzioni e le attività del nucleo è rappresentato da un valido responsabile che andrà a coadiuvare il capo nucleo e l’intera amministrazione nell’azione di implementazione di un vero e proprio sistema comunale di protezione civile, pronto a reagire ad ogni evenienza e soprattutto a pianificare e tentare di prevenire ogni tipologia di emergenza». Gli altri responsabili dei settori di intervento nominati sono Maurizio Manna, Antonio Altieri, Antonio Mercuri, Vito Contrasto, Vincenza Carnevale, Carolina Arancio, Guido Bianchi, Damiano Faccenda, Maria Rosaria Martino, Antonio Rocco, Antonio Abbate, Gelsomin Cetrulo e Valentina D’Ambrosio.